I

IL
FORTUNATO
TRANSITO
DI
SAN GIUSEPPE

Tra i privilegi di san Giuseppe il più noto e celebrato è quello della sua pia morte: «Egli fra le braccia di Gesù e di Maria si consumò d’amore per il suo Dio», leggiamo nell’elenco dei dodici privilegi concessi al nostro santo.

La conoscenza e diffusione del transito, in occidente, sono dovute al domenicano milanese Isidoro Isolano, che ne inserì la Storia nella sua Summa de donis St. Joseph, stampata a Pavia nel 1522. Egli riferisce che i cattolici d’oriente usano celebrare con straordinaria venerazione la festa di san Giuseppe il venti luglio: «Nelle loro chiese suole essere letta una vita di san Giuseppe», tradotta dall’ebraico in lingua latina nel 1340. Ne riporta, quindi, alcuni tratti, che qui trascriviamo, limitandoci all’essenziale. Il racconto della vita di Giuseppe è attribuito allo stesso Gesù, che lo avrebbe confidato ai discepoli sul monte Oliveto.

Dopo la descrizione della sua vita santa e laboriosa, Gesù conclude: «Giuseppe invecchiò e si portò avanti negli anni. Tuttavia il suo corpo non ebbe indebolite le sue forze, né gli si offuscò la vista degli occhi, né gli cadde alcun dente dalla sua bocca, né la sua mente divenne decrepita in qualcosa... Ed io mi comportai con lui in ogni cosa come fossi figlio suo. Ed ero in ogni cosa come lui, tranne che nel peccato. Chiamavo Giuseppe padre, ed egli mi chiamava figlio suo. Io obbedivo in tutto a mia Madre e a Giuseppe.

Non trasgredii mai nessun loro ordine, ma ero loro sottomesso come sono i figli ai genitori. Amavo molto Giuseppe come fosse la pupilla dei miei occhi. Ma si avvicinavano i giorni della morte di Giuseppe. Gli apparve l’Angelo del Signore e gli disse che presto avrebbe dovuto lasciare questo mondo per raggiungere i suoi padri. Egli ebbe paura, si alzò ed andò a Gerusalemme. Entrò nel tempio e a lungo pregò Dio che gli fosse propizio nell’ora della sua morte...

Dopo aver pregato, ritornò a Nazareth; entrò in casa e non reggendosi più in piedi cadde sul suo lettino e la sua infermità si aggravò di molto. Allora io entrai da lui e gli dissi: ‘Salute, padre mio, Giuseppe. Cosa c’è che fa turbare così un uomo santo e benedetto?’. Egli, avendo udito la mia voce, così rispose: ‘O figlio mio diletto, Gesù mio, tu che salverai molte volte, Figlio mio, il dolore e la paura della morte mi hanno circondato, ma appena ho sentito la tua voce l’anima mia si è ripresa. Infatti, tu, o Gesù, sei il Salvatore e il Liberatore della mia anima. Tu sei il velo che nasconde i miei peccati. Il tuo nome nella mia bocca è dolcissimo. Gesù, tu sei la vista dei miei occhi. Tu, orecchio che ascolti l’universo, ascolta me servo tuo, che oggi ti supplico di guardare e accettare le lacrime che verso al tuo cospetto. Infatti, credo che tu sei vero Dio e vero uomo, come mi ha detto l’Angelo più volte...’.
E avendo detto questo, prevalse l’infermità e non poté più parlare.

Allora io mi sedetti al capezzale di Giuseppe e la Madre mia si sedette ai suoi piedi. Il vecchio girò dunque la sua faccia verso di me e con grandi sospiri ansimava verso di me. Io mi chinai verso di lui, toccai e accarezzai i suoi piedi, e tenni la sua mano tra le mie mani per una lunga ora. Giuseppe mi faceva segno come meglio poteva di non lasciarlo e fissava i suoi occhi su di me. E vennero Michele e Gabriele da mio padre, Giuseppe. Così spirò in pazienza e letizia. Io con le mie mani chiusi gli occhi e la bocca, ricomponendo il suo volto.

Tutta la città, apprendendo della morte di Giuseppe, venne a fargli visita. Parenti e amici suoi lavarono il corpo di Giuseppe e lo unsero con ottimi unguenti. Io nel frattempo pregai il Padre mio. Finita la preghiera, venne una moltitudine di Angeli. E comandai a due di loro di vestire il corpo di Giuseppe. E gli stessi Angeli rivestirono con una veste candida il corpo del vecchio benedetto, Giuseppe. Io benedissi il suo corpo affinché non andasse in putrefazione.E dissi anche: ‘Io benedirò e aiuterò ogni uomo della Chiesa dei giusti che nel giorno della tua memoria, o Giuseppe, offra un sacrificio a Dio.

E chi mediterà sulla tua vita, sulle tue fatiche, sul tuo transito da questo mondo, quando l’anima di costui uscirà dal corpo, io cancellerò dal Libro i suoi peccati onde non vengano mai puniti nel giorno del giudizio. Nella casa dove ci sarà il ricordo di te, non entrerà né la pestilenza, né la morte improvvisa’. E i più anziani portarono il corpo di Giuseppe al sepolcro. Io ricordai i giorni in cui mi portò in Egitto, le molteplici fatiche a cui andò incontro con me e piansi chino sul suo corpo. E posero il corpo di mio padre Giuseppe nel sepolcro vicino al corpo di suo padre Giacobbe. Morì il venti luglio».

Dove Siamo

TORNARE A CASA ©
[presso Appunti di Viaggio]
Via Eugenio Barsanti, 24
00146 - Roma

Contatti

associazione@tornareacasa.eu

Tel. 06 4872 5030
Cell. 340 391 5503

[ Dal Martedì al Venerdì
dalle 10:00 alle 13:00 ]